• Via Del Banco di S. Spirito 42, 00186 Roma
  • Tel: +39 0645548481
  • Email: segreteriagnosis@gnosisforense.it
Seguici su:

Blog

I provvedimenti ablatori del patrimonio nella repressione penale dell’evasione

Attualmente in fase di conversione, il Decreto Fiscale 2019 (D.L. 124/2019) si occupa, fra le molte misure in materia tributaria, di “rafforzare e razionalizzare la risposta sanzionatoria” (così la relazione tecnica), nella repressione delle condotte a rilevanza penale, intervenendo sul testo del D.lgs. 74/2000.

  1. Introduzione

In particolare, l’intervento legislativo contenuto nell’art. 39 ha seguito quattro diverse linee conduttrici: la prima ha condotto ad un aumento dei limiti edittali delle pene previste nelle fattispecie incriminatrici; la seconda ha riguardato un inasprimento di alcune fattispecie, per le quali è stata abbassata la soglia di punibilità; la terza ha esteso l’applicabilità della c.d. “confisca per sproporzione” anche alla repressione dei reati tributari; la quarta, infine, ha disposto la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (come articolata nel D.lgs. 231/2001), per i reati tributari, ad esclusione di alcune fattispecie.

  1. La confisca per sproporzione: rinvio all’art. 240bis cp

L’oggetto di questa breve relazione sarà limitato ad un sintetico commento delle disposizioni in materia di “confisca per sproporzione”, in quanto nell’analisi di tale istituto si possono maggiormente cogliere le finalità perseguite dal legislatore e si può, di conseguenza, valutare se gli scopi perseguiti siano coerenti con il sistema repressivo.

Il novellato art. 12ter del D.lgs. 74/2000 dispone che “nei casi di condanna o di applicazione della pena su richiesta a norma dell’art. 444 del codice di procedura penale per taluno dei delitti previsti dal presente decreto, diversi da quelli previsti dagli articoli 10-bis e 10-ter, si applica l’art. 240 bis del codice penale quando:[….]”

Il legislatore elenca, dunque, diverse condizioni di funzionamento dell’istituto, che verranno di seguito commentate.

E’ possibile subito constatare come l’istituto della confisca per sproporzione non possieda una propria autonoma disciplina in ambito tributario, ma sia regolata “per relationem” mediante l’impiego di uno strumento di ambito generale, sicchè è necessario verificare se il rinvio così operato possa essere coerente o possa, piuttosto, denotare alcuni profili di criticità.

E’, dunque, opportuno valutare quale sia il significato di tale rinvio e quali siano le conseguenze in ordine alla tenuta del sistema,

Ebbene, la disciplina contenuta nell’art. 240bis cp, per propria espressa rubrica, è prevista “per casi particolari”, cioè per reati considerati odiosi o socialmente gravi dall’Ordinamento; si pensi, ad esempio, ai reati di criminalità organizzata o di terrorismo internazionale.

Nel reprimere, dunque, tali gravi reati, l’Ordinamento dispone che “è sempre disposta la confisca del denaro, dei beni o delle altre utilità di cui il condannato non può giustificare la provenienza e di cui, anche per interposta persona fisica o giuridica, risulta essere titolare o avere la disponibilità a qualsiasi titolo in valore sproporzionato al proprio reddito”.

Sotto il profilo probatorio, l’appena citato articolo prosegue disponendo che “in ogni caso il condannato non può giustificare la legittima provenienza dei beni sul presupposto che il denaro utilizzato per acquistarli sia provento o reimpiego dell’evasione fiscale”.

  1. Gli elementi strutturali della confisca per sproporzione: non è collegata al tributo evaso, è obbligatoriamente disposta dal giudice ed impone un inversione dell’onere della prova.

Rispetto all’istituto della confisca, la quale finora poteva essere applicata nell’ambito dei reati tributari, la confisca per sproporzione manifesta la propria particolarità quando l’oggetto della confisca possa essere tutto il patrimonio di cui il condannato abbia la disponibilità, anche indiretta.

E’ evidente che, rispetto alla disciplina propria della confisca, non vi è alcun collegamento con il tributo evaso o con il profitto effettivamente incassato dall’evasore e come, piuttosto, l’intero patrimonio sia sottoponibile a confisca.

La legittimità di tale sproporzione è già stata oggetto di vaglio giurisdizionale e recentemente è intervenuta la Corte Costituzionale (sent. 33/2018), la quale ha precisato come “esiste una legittima presunzione che le risorse economiche, sproporzionate e non giustificate, rinvenute in capo al condannato derivino dalla

accumulazione di illecita ricchezza che talune categorie di reati sono ordinariamente idonee a produrre: accumulazione socialmente pericolosa a fronte della possibile utilizzazione delle risorse per il finanziamento di ulteriori delitti e del loro reimpiego nel circuito economico-finanziario, con effetti distorsivi del sistema economico legale”.

È, allora, necessario ricordare come la presunzione appena descritta trovi la propria applicazione non solo sul patrimonio formalmente intestato al condannato, ma su tutti i beni ed utilità che siano comunque ad egli riferibile, anche attraverso persone giuridiche: da questo collegamento fra presunzione di illecita ricchezza e disponibilità del condannato emerge quale sia la forza e la natura della confisca per sproporzione.

  1. La natura della confisca per sproporzione: alcuni corollari di sistema.

In ragione dei meccanismi appena descritti e della efficacia repressiva che il legislatore attribuisce alla confisca per sproporzione, è possibile giungere ad alcune conclusioni in ordine alla natura della confisca.

E’ evidente, infatti, che essa non possa essere ricondotta fra le misure di sicurezza, nè che essa abbia una finalità esclusivamente cautelare, perchè non è presente alcun collegamento con il profitto della condotta illecita.

Sembra molto più fondata, invece, la collocazione della confisca per sproporzione fra le misure sanzionatorie ed infatti anche la Corte di Cassazione (SS.UU 18/1996) ha già avuto modo di ritenere che “la confisca non può essere ricondotta che nell’ambito di quel tertium genus costituito da una sanzione amministrativa, equiparabile alla misura di sicurezza prevista dall’art. 240cp applicata, per scelta non sindacabile del legislatore, nell’ambito dell’autonomo procedimento di prevenzione”.

Tale collocazione della confisca per sproporzione fra le misure sanzionatorie può condurre ad alcune conseguenze, fra le quali – in prima battuta – l’applicazione dei principi propri del sistema sanzionatorio, sia in ordine alla irretroattività della fattispecie, sia in ordine alla continuazione o al cumulo di sanzioni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*